Analisi Reflusso venoso

Il reflusso venoso è un problema diffuso nei paesi occidentali: tra il 5% e l’8% della popolazione soffre di insufficienza venosa cronica. Effettuare una diagnosi precoce di questa patologia è fondamentale per impostare un’efficace terapia preventiva, evitando o ritardando la cronicizzazione della malattia. Non curare in tempo un’insufficienza venosa cronica può causare una grave ulcerazione degli arti inferiori.

INFORMAZIONI PRATICHE SULL’ESAME:

Come funziona?

Fase iniziale:

I piedi sono fermi. Il sangue si accumula nelle vene.

Esercizio:

Sollevamento alternato delle punte dei piedi con il tallone poggiato per attivare l’effetto

Riempimento:

I piedi sono fermi. In condizioni normali, le vene si riempiono lentamente del sangue che affluisce dai piedi. In condizioni patologiche, le vene si riempiono velocemente anche del sangue che refluisce dalla gamba. Viene misurato il tempo di riempimento.

Cosa deve fare il paziente durante l’esame?

Il paziente seduto in maniera confortevole, senza indumenti che stringono (pantaloni, calze, etc.) effettua la procedura dello schema sopra riportato, per una durata massima di 5 minuti.

I vantaggi del test di reflusso venoso

Tecnologia validata e consolidata.

Metodo di misurazione non invasivo effettuato su entrambi gli arti inferiori contemporaneamente.

Semplicità e velocità di esecuzione.

Completezza e chiarezza dei risultati.

Il reflusso venoso è un problema comune, nei paesi occidentali il 5 – 8% della popolazione soffre di insufficienza venosa cronica (CVI).
È importante effettuare una diagnosi precoce dell’insufficienza venosa in modo da impostare un’efficace terapia ed evitare o ritardare la cronicizzazione della malattia.
Non curare in tempo una CVI può causare un’ulcerazione degli arti inferiori.

L’insufficienza venosa cronica (CVI)

La dilatazione delle vene (vena varicosa) o difetti delle valvole venose possono generare una insufficienza delle stesse, non ostacolando il reflusso del sangue venoso verso il cuore e generando quindi un’alta pressione venosa.
L’insufficienza venosa cronica si traduce in edema, vene varicose ed ulcere.

Chi dovrebbe sottoporsi a questo tipo di test periodicamente?

  • Debolezza congenita del tessuto connettivo
  • Sbalzi ormonali
  • Mancanza di esercizio
  • Gravidanza
  • Lavoro sedentario
  • Sovrappeso
  • Età

La Tecnologia utilizzata dal test. Come funziona?

La reografia a luce riflessa (Light-reflection rheography LRR) è un metodo di misurazione che consente di valutare le condizioni delle vene, ed in maniera particolare il funzionamento delle valvole venose.
Il VenoScreen® è l’apparecchio ideale per eseguire questo tipo di test screening, per la valutazione iniziale dell’efficienza venosa.
Il metodo LHR utilizza un sistema non invasivo a luce infrarossa, trasmessa attraverso la pelle della parte inferiore della gamba. Un sensore fotometrico misura la luce riflessa dalla pelle (misurazione dispersa). L’intensità della luce riflessa fornisce informazioni relative al volume del sangue nella pelle. Sebbene il VenoScreen® esamini il sangue in prossimità della superficie, esso è in grado di fornire informazioni relative all’intero sistema venoso in quanto le vene della pelle sono strettamente collegate alle vene profonde
della gamba.